News

Sciopero Nursind 17 Novembre 2023

Fermarsi un giorno per impedire il furto alle nostre sudate pensioni. Uniti si può!

Ulteriori informazioni verranno fornite nei prossimi giorni.

Dallo stato d’agitazione allo #sciopero nazionale. Gli #infermieri incroceranno le braccia per 24 ore il 17 novembre. Lo annuncia il segretario nazionale NurSind, il Sindacato degli Infermieri, Andrea Bottega:

https://www.quotidianosanita.it/lavoro-e-professioni/articolo.php?articolo_id=118132

Dichiarato lo Stato di Agitazione

Nursind dichiara lo stato di agitazione per le novità previste dalla Legge di Bilancio 2024
Il segretario provinciale di Nursind Vicenza, Andrea Gregori: “Quella che ci accingiamo a subire è l’ennesima deriva verso la privatizzazione del sistema salute, ai danni di sanitari e cittadini”

Vicenza, 8 novembre 2023. “L’art. 32 della nostra Costituzione recita testualmente: “La Repubblica tutela la salute come fondamentale diritto dell’individuo e interesse della collettività, e garantisce cure gratuite agli indigenti”, ma dalle anticipazioni della Legge di Bilancio 2024 sembra che queste sacre enunciazioni vengano drammaticamente rimaneggiate, voltando le spalle ai lavoratori del settore e, di conseguenza, ai cittadini”. Con queste parole il segretario provinciale di Nursind Vicenza, Andrea Gregori, commenta la situazione che verrebbe a crearsi allorché il testo di Legge di Bilancio 2024 venisse approvato così com’è stato strutturato.
“Alla luce di questa situazione la Segreteria nazionale Nursind ha dichiarato lo stato di agitazione del personale infermieristico. Le motivazioni che porteranno ad un eventuale blocco delle attività – spiega il segretario Gregori – sono da ricercarsi nella Legge di Bilancio 2024, in cui ancora una volta le promesse della politica non solo non trovano riscontri, ma peggiorano una situazione già di per sé precaria”.
In particolare, nel testo provvisorio della Legge di Bilancio 2024, gridano vendetta due aspetti: il primo che penalizza fortemente, sotto il profilo del trattamento economico pensionistico, tutti i professionisti sanitari assunti tra gli anni ‘80 e ’90, il secondo in quanto il finanziamento previsto per i rinnovi contrattuali risulta assolutamente insufficiente a far fronte al tasso di inflazione reale esistente nel Paese.
“Una situazione che denota chiaramente la mancanza di volontà della classe politica in carica di affrontare i problemi – prosegue il segretario Gregori – proponendo soluzioni accettabili e pragmatiche. Inoltre, al quadro prospettato si aggiunge una condizione lavorativa che in entrambe le Ulss del Vicentino sta portando allo stremo i professionisti della salute nelle strutture pubbliche, con inevitabili ricadute sui cittadini utenti di un servizio essenziale per la collettività”.
“Nei prossimi giorni ci sarà il tentativo di conciliazione al Ministero, i cui esiti sono molto incerti – sottolinea il segretario Gregori – perché al di là delle promesse è necessaria una reale inversione di rotta su una Legge di Bilancio che rischia di essere la pietra tombale sui professionisti sanitari del pubblico impiego. È fuori di dubbio che la strisciante deriva verso la privatizzazione del sistema salute in Italia ha per complice una politica che mira a sfibrare la resistenza dei sanitari impegnati quotidianamente per la salute dei cittadini”.

Manovra, Nursind in stato d’agitazione su norma pensioni e risorse contratto

Il segretario Bottega: “Il ricalcolo è inaccettabile per una categoria già ridotta al lumicino”. Sui fondi per il rinnovo del Ccnl: “Briciole, un finanziamento che riesce a mala pena a coprire l’anticipo della vacanza contrattuale”

“Non si cambiano le regole del gioco a partita in corso. Il ricalcolo delle pensioni retributive contenuto in manovra è inaccettabile per una categoria che è già ridotta al lumicino e a cui la nuova norma darà solo il colpo di grazia, incentivando ancora di più la fuga di infermieri o verso nuovi lavori o fuori confine”. Con queste parole Andrea Bottega, segretario nazionale del Nursind, annuncia la decisione presa dal Consiglio nazionale di proclamare lo stato d’agitazione. “Lo spiraglio aperto dal sottosegretario al Lavoro, Claudio Durigon, non basta a tranquillizzarci. Se il Governo non tornerà sui suoi passi – prosegue Bottega – siamo pronti allo sciopero. Non è accettabile che un infermiere assunto per esempio nel ’92 arrivi a perdere, secondo le nostre stime, circa 6mila euro lordi all’anno di pensione”.

Si tratta di “una cifra enorme, considerando lo stipendio medio di un professionista – rimarca il segretario -. Senza contare che un cambio di regime previdenziale così improvviso non darebbe neppure il tempo di ragionare su una exit strategy. L’unico effetto che produrrebbe, questo sì, è di accelerare ancora di più gli addii in seno alla categoria. Col rischio per l’Italia di ritrovarsi con circa 13mila infermieri in meno, come sostiene la Fnopi“.

“La nostra protesta – aggiunge – però non riguarda solo gli assegni previdenziali, ma anche le risorse stanziate in legge di Bilancio per i rinnovi contrattuali, del tutto insufficienti a una piena valorizzazione della professione. Siamo di fronte, infatti, a un finanziamento che riesce a mala pena a coprire l’anticipo della vacanza contrattuale che percepiremo a dicembre. In una parola: briciole”.
In conclusione, “non c’è alcuna prospettiva di migliorare le condizioni lavorative ed economiche degli infermieri né di coprire il turnover e potenziare la sanità territoriale”, conclude Bottega.

Nursind Veneto – Attività esercitabili dal personale delle professioni sanitarie del comparto – Webinar

⚠️ WEBINAR NURSIND ⚠️

📌 ATTIVITÀ ESERCITABILI DAL PERSONALE DELLE PROFESSIONI SANITARIE DEL COMPARTO

‼️ Un opportunità per conoscere e comprendere aspetti normativi, contributivi e fiscali

👍 A SEGUITO DEL REGOLAMENTO REGIONALE IN MATERIA DI ATTIVITÀ ESERCITABILI DAL PERSONALE DELLE PROFESSIONI SANITARIE DEL COMPARTO, NURSIND PADOVA ORGANIZZA UN WEBINAR
PER DARE L’OPPORTUNITÀ DI CONOSCERE E COMPRENDERE IL
D.L. 34/2023 e s.m.i

💚 RELATORI

Luigi Pais dei Mori: Consigliere del Comitato Centrale della FNOPI

Piombo Denis: Presidente OPI Rovigo

Bottega Andrea: Segretario Nazionale NurSind “Il Sindacato delle Professioni Infermieristiche”

Busatto Barnaba: Legale NurSind

Paesante Stefano: Commercialista NurSind

MODERATORE DELL’EVENTO

Busatto Egidio: Segretario Regionale NurSind

📅 Quando: Martedì 31 OTTOBRE 2023

🕐 Ore: 15:00

📍 Iscriviti tramite il link sottostante e compila il modulo per ricevere l’invito al webinar

https://forms.gle/cmUMfRkjDBnGXrYR7

💚 NurSind il Sindacato che lotta per il giusto non per il possibile, sempre al tuo fianco

Convenzione SAMSUNG

La Direzione Nazionale ha stipulato una vantaggiosa convenzione con SAMSUNG che prevede sconti e vantaggi eccezionali per tutti gli iscritti NurSind.
Per usufruirne gli iscritti devono entrare nel proprio profilo NurSind dove è presente un “bottone” su cui cliccare per poi essere indirizzata sulla pagina dedicata (Samsung Parteners Reward).

ACCESSO ALLA PAGINA PERSONALE NURSIND

Di seguito un volantino con le indicazione da seguire per effettuare il primo accesso alla pagina personale NurSind.

Se ci fossero problemi nel completare la procedure le motivazioni possono essere:

  1. la mail di ripristino password è stata dirottata nella casella SPAM (controllare la casella SPAM);
  2. la mail inserita nel database è diversa da quella che viene da voi inserita in modo errato (errore di trascrizione, mail non più in uso, altre motivazioni). In questo caso è necessario aggiornare l’indirizzo mail nel nostro database: mandare un whatsapp al 3347736860 con: nome, cognome, data di nascita, nuova mail da inserire. Vi confermeremo l’avvenuta modifica appena possibile con un whastapp di conferma.